Impostazioni cookies
Impostazioni cookies

Se non accetti i cookies tecnici o strettamente necessari, non puoi continuare la navigazione in questo negozio e ti reindirizzeremo a un altro sito. Sei sicuro?

Non è possibile accettare cookie di terze parti e non accettare i cookie tecnici.

Il vetro, un materiale trasformista.

Pubblicato : 24/02/2018 12:16:06
Categorie : Interviste artigiani Rss feed

Cari lettori, oggi noi di Original Sardinia vogliamo parlarvi di Cintia Orrù e del suo Ghirigori Glass.

Lei realizza dei bellissimi gioielli in vetro, interamente a mano, perla dopo perla, dando vita a dei meravigliosi pezzi unici che potrete ammirare nel nostro shop.

Cintia ci ha spiegato l'origine del nome “Ghirigori Glass”: Ghirigori non sono altro che i disegni che lei fa e faceva su pezzi di carta, su libri, piccoli abbozzi ispirati dalla sua fantasia, soprattutto le spirali, disegno molto ricorrente, poi Glass ovviamente Vetro, cioè il materiale che lei lavora.

Cintia, già da piccola, aveva la passione per il disegno e la creatività in generale, ha preso il diploma presso l’istituto statale d'arte ad Oristano con specializzazione in ceramica artistica. Dopo il diploma quindi inizia a lavorare  nell'ambito della ristorazione, questo le permette di acquistare  le attrezzature per lavorare la ceramica e poter riprendere con questa sua passione, ma ben presto si rende conto che a causa di un problema alle mani ha difficoltà a maneggiare l’argilla, per cui è costretta  momentaneamente ad abbandonare l’idea. Ma la sua voglia di creare è irrefrenabile, tanto che dopo aver acquistato un libro sulla lavorazione del vetro, Cintia è rimasta affascinata da questo materiale e dalla sua malleabilità e trasformismo.

Nel 2007 ha intrapreso, da autodidatta, un percorso di sperimentazione della lavorazione delle Perle a Lume e ora con questa tecnica realizza le perle cave per i suoi gioielli.

Ogni perla nasce da una semplice stecca di vetro che fusa, viene lavorata sapientemente da Cintia attorno ad un mandrino con pasta distaccante a formare una spirale (le spirali dei suoi disegni, i Ghirigori) e ricreare una semisfera; terminata la prima semisfera, ne realizza una seconda fino ad unirla alla prima, ottenendo una sfera ancora grezza al cui interno rimane inglobata l’aria che con il calore tende ad espandersi verso l’esterno, spingendo le pareti di vetro che così, tramite il movimento rotatorio del mandrino e il calore prodotto dalla  fiamma del cannello, va a creare una perla perfettamente liscia, dopodiché da largo spazio alla sua fantasia e le decora con puntini di vetro in rilievo e non che ricordano per certi versi, i bellissimi gioielli Sardi in filigrana d’argento.

Realizzata, la perla viene messa nella vermiculite, un minerale che permettere di far raffreddare il vetro lentamente senza creare uno shock termico. Dopodiché la perla viene pulita e temprata nel forno di ricottura per conferire maggiore resistenza agli urti. Poi si passa così al montaggio finale, questa è la fase in cui Cintia da largo spazio alla sua fantasia, prende le sue perle e gioca con le combinazioni di colori e forme e dà così vita ai suoi splendidi gioielli, uno diverso dall'altro.

Ci dice Cintia: “l’amore per la mia terra e soprattutto le sue bellezze naturali sono da sempre spunto per le mie creazioni che sono in continua trasformazione, amo sperimentare e trovare sempre nuove varianti per poter offrire pezzi unici e originali, curando ogni minuzioso dettaglio a partire dall’utilizzo di materie prime di qualità quali, il vetro di Murano, l’argento e altre leghe nickel free, filati pregiati e tutto ciò che occorre per realizzarli e garantire così un prodotto che sia sinonimo non solo di bellezza, ma di qualità e che duri nel tempo”.

Parlando degli aspetti negativi di questo lavoro Cintia ci ha detto: ”è difficile far comprendere alle persone la qualità del prodotto che stanno acquistando. Bisogna far capire ad esempio che per quanto riguarda le mie creazioni, io realizzo ogni perla a mano, senza stampo. Ogni bracciale o collana ha le perle che lo compongono selezionate tra oltre 40 pezzi, per creare un oggetto finito che sia il più armonioso possibile, sia per dimensione delle perle che come abbinamento colore. Quindi non sono 10 perle create e assemblate, ma tante realizzazioni che andranno selezionate e inserite nel bracciale o collana che andrà venduto.

Condividi questo contenuto

Aggiungi un commento

 (con http://)